18 gennaio 2015

Recensione: Shadowhunters. Le origini - La principessa di Cassandra Clare

Salve lettori!
Ho terminato giusto un'ora fa l'ultimo romanzo della trilogia TID di Cassandra Clare, una trilogia che mi è rimasta dentro e che mai dimenticherò.
Se vi siete persi il mio parere sui precedenti romanzi cliccate QUI e QUI.
Avviso per chi non ha letto il libro: potrebbero essere presenti SPOILER, in quanto recensione dell'ultimo romanzo di una trilogia.


Titolo: Le origini - La principessa 
Autore: Cassandra Clare
Pagine: 564
Trama:
Una rete d'ombra si stringe sempre di più intorno agli Shadowhunters dell'Istituto di Londra. Mortmain progetta di usare un esercito di automi spietati per distruggere una volta per tutte i Cacciatori. Gli manca un solo elemento per completare l'opera: Tessa Gray. Quando Mortmain rapisce Tessa, Will e Jem fanno di tutto per salvarla. Perché anche se Tessa e Jem sono fidanzati ufficialmente, Will è ancora innamorato di lei. Tuttavia Tessa si rende conto che l'unica persona in grado di salvarla dal male è lei stessa. Ma come può una sola ragazza, per quanto capace di comandare il potere degli angeli, affrontare un intero esercito? Pericoli e tradimenti, segreti e magia, oltre ai fili sempre più ingarbugliati dell'amore e dell'abbandono si intrecciano mentre gli Shadowhunters vengono spinti sull'orlo del precipizio, in un finale che lascia con il fiato mozzo.


La mia recensione

Cassandra ha dato vita ad una serie di storie che si incastrano una con l'altra creando un agglomerato di ironia, amore e sentimenti.
Non dimenticherò mai la storia d'amore di Tessa Gray e di Will Herondale: la loro è sicuramente la più romantica e coinvolgente.
Cassandra Clare è una garanzia, non so quante volte l'avrò detto, ma è quello che penso. Il suo modo di scrivere è poetico, dolce e malinconico. Le citazioni all'interno del romanzo poi generano un'atmosfera ancora più macabra.
Una cosa solo non ho apprezzato: l'epilogo, forse un po' troppo sbrigativo ed ingiusto nei confronti della Wessa; capisco che l'amore per Jem non è mai morto nella ragazza, ma se fino a quel momento il loro "triangolo amoroso" mi era sembrato qualcosa di dolce e comprensibile, ora mi è tutto più ingiusto... povero Will T.T, però ha avuto tutto quello che desiderava dalla vita credo e non c'era morte migliore per lui se non quella di essere circondato dalla sua famiglia e dai suoi più grandi amori: Jem e Tessa.

"Hai sentito, James Carstairs? Siamo legati, io e te, sullo spartiacque della morte, per tutte le generazioni a venire. Per sempre."
Pensandoci però la scelta di Tessa può essere giustificata: i due ragazzi erano molto più che parabatai e il loro legame era molto più forte di qualsiasi runa di trasformazione, forse lei vede sia Jem che Will sul ponte nel 2008, o forse si aggrappa all'unica cosa che la lega al passato e a Will.
Un romanzo che ha scavato nel mio cuore un tunnel che difficilmente sarà colmato da qualche altra lettura.
Mi dispiace un po' sapere che non leggerò quasi niente più di Will e che la trilogia è finita.



Will, Jem e gli altri Shadowhunter dell'Istituto accorrono in aiuto di Gabriel Lightwood, figlio minore di Benedict, quando scoprono che suo padre si è trasformato in un enorme verme a causa della sifilide demoniaca. Durante il combattimento, Benedict viene ucciso, mentre Jem si sente male. Tornati all'Istituto, Will scopre che il compagno sta facendo maggiore uso di yin fen, la droga che lo tiene
in vita, da quando si è fidanzato con Tessa, ma la scorta si è quasi del tutto esaurita ed è sparita anche dal mercato perché Mortmain l'ha acquistata tutta. 

Poco tempo dopo, Mortmain offre un quantitativo di yin fen in cambio di Tessa, ma Jem, non volendo che lei si sacrifichi, distrugge la lettera con le istruzioni. Poiché il tempo rimasto al ragazzo è sempre meno, Jem e Tessa decidono di sposarsi nel giro di due giorni, ma, prima che possano farlo, gli automi attaccano l'Istituto, rapiscono Tessa e uccidono Jessamine: quest'ultima riesce, prima di morire, a informare gli amici che Mortmain si trova sul Cadair Idris, un monte gallese. Poco prima che Will parta per riprendere Tessa, Jem scopre i sentimenti che Will prova per lei, ma non ne rimane ferito; inoltre, Aloysius Starkweather, amico del padre di Charlotte, racconta alla donna che la nipote Adele fu scambiata dalle fate quando era piccola e crebbe come Elizabeth Gray, madre di Tessa: la ragazza è, quindi, figlia di una Nephilim che non ha ricevuto i marchi di Cacciatrice, e di un demone che aveva assunto le sembianze di Richard Gray.


 

Durante il viaggio verso il Galles, Will sente il legame magico che lo lega a Jem spezzarsi, segno che il compagno è morto, mentre Tessa apprende che il ciondolo a forma di angelo meccanico che la protegge quando è in pericolo è stato costruito dal padre di Mortmain, John Shade, e che contiene parte dell'anima dell'angelo Ithuriel. Mortmain costringe la ragazza a trasformarsi in John Shade, dal quale apprende la formula per legare l'anima dei demoni agli automi, e riesce così a mettere in funzione il suo esercito. Quando Will arriva da Tessa, i due parlano dei loro sentimenti e fanno l'amore. Il giorno dopo vengono raggiunti anche dagli altri membri dell'Istituto e da tre Fratelli Silenti. Durante la battaglia contro gli automi, Tessa scopre che Jem non è morto, ma è diventato un Fratello Silente, fermando così l'avanzare della morte; poi, la ragazza si trasforma in Ithuriel e uccide Mortmain, distruggendo contemporaneamente tutti gli automi e i demoni contenuti al loro interno. Prima di ritirarsi definitivamente nella Città Silente, Jem saluta Will e Tessa, promettendo alla ragazza che la incontrerà ogni anno per un'ora al Blackfriars Bridge. Non molto tempo dopo, Will e Tessa si sposano: nel corso degli anni hanno due figli, James e Lucie, e vivono una vita felice, finché Will non muore nel 1937. Tessa, invece, rimane giovane e si allontana dalla propria famiglia, non sopportando di sopravvivere a tutti. Nel 2008, Jem e Tessa s'incontrano sul Blackfriars Bridge, dove la ragazza scopre che Jem, non essendo più in pericolo di vita perché ha trovato una cura, ha lasciato i Fratelli Silenti: i due si rendono conto che i sentimenti che provavano l'uno per l'altra sono ancora vivi e si baciano, decidendo di girare il mondo per passare del tempo insieme.



Voto:
Giudizio: La perfezione



1 commento:

Chiara De Martin ha detto...

Decisamente il libro migliore della trilogia!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...