19 gennaio 2015

Recensione: Insurgent di Veronica Roth

Bentrovati ad un'altra recensione.
Oggi parliamo del secondo romanzo della saga Divergent di Veronica Roth, un'autrice che con il primo volume aveva incantato mezzo mondo? Avrà fatto centra anche questa volta?

Titolo: Insurgent
Autore: Veronica Roth
TramaUna scelta può cambiare il destino di una persona... o annientarlo del tutto. Ma qualsiasi essa sia, le conseguenze vanno affrontate. Mentre il mondo attorno a lei sta crollando, Tris cerca disperatamente di salvare tutti quelli che ama e se stessa, e di venire a patti con il dolore per la perdita dei suoi genitori e con l'orrore per quello che è stata costretta a fare. La sua iniziazione avrebbe dovuto concludersi con una cerimonia per celebrare il proprio ingresso nella fazione degli Intrepidi, ma invece di festeggiare la ragazza si è ritrovata coinvolta in un conflitto più grande di lei... Ora che la guerra tra le fazioni incombe e segreti inconfessabili riemergono dal passato, Tris deve decidere da che parte stare e abbracciare completamente il suo lato divergente, anche se questo potrebbe costarle più di quanto sia pronta a sacrificare.


La mia recensione

Il romanzo riparte esattamente da dove si era interrotto l'ultimo capitolo di Divergent (qui per la recensione), i protagonisti arrivano nella fazione dei Pacifici, dove trovano asilo consegnando le armi, e adeguandosi al modo di vita di quella fazione, che rimane neutrale rispetto ai conflitti tra le altre fazioni.


Una delegazione di Intrepidi ed Eruditi arrivano al quartier generale dei Pacifici per catturare i fuggitivi, ma questi riescono a scappare in città. Giunti all'interno della città devono nascondersi presso gli Esclusi, dove troveranno asilo grazie al loro capo, che si scoprirà essere la madre creduta morta di Quattro, Evelyn. Il libro è incentrato sull'organizzazione da parte degli Esclusi, e dei dissidenti delle altre fazioni, per riprendere il potere all'interno della città, che ormai è detenuto dagli Eruditi. Tris e Tobias decidono di recarsi verso il quartier generale dei Candidi, dove sono raccolti gli Intrepidi non alleati con gli Eruditi. Dopo essere stati arrestati, processati e in seguito liberati Tris e Tobias collaborano con gli altri Intrepidi per fare un attentato agli Eruditi, durante il quale Tris scopre che anche Uriah è un Divergente. Dopo aver catturato Eric e averlo giustiziato gli Intrepidi raggiungono il loro quartier generale, non avendo più bisogno della protezione dei Candidi.



Gli intrepidi, alleati con gli Esclusi, escogitano un piano per cogliere di sorpresa gli Eruditi. All'insaputa di Tobias, Tris, Christina, Cara ( sorella di Will ) e un gruppo di Eruditi contrari ai progetti dalla fazione aiutano Marcus ad entrare nel quartier generale degli Eruditi per scoprire il motivo per il quale Jeanine Matthews ha cercato di sterminare gli Abneganti. Tris, dopo aver affrontato in un duello la sua copia Erudita, reso possibile da una simulazione, riesce ad entrare nell'ufficio di Jeanine dove incontra Tori, che sta cercando di uccidere il tiranno Erudito. Tris in un primo momento cerca di impedire a Tori di uccidere l'Erudita, per poter scovare nel suo computer l'informazione necessaria a svelare il mistero dell'attentato agli Abneganti. Nonostante ciò non riesce a fermare Tori, che uccide Jeanine Matthews con due pugnalate nello stomaco. Tris viene arrestata insieme ai collaboratori di Marcus e ai pochi Eruditi rimasti in vita. 


Dopo aver assistito al decesso di Lynn, morta per una ferita da arma da fuoco nella pancia, Tris incontra Tobias. Ma proprio mentre si ritrovano si accorgono che gli Esclusi hanno tutte le armi Intrepide e che il potere ora è nelle mani di Evelyn. Nonostante ciò, Tobias è riuscito a trovare l'informazione che svela il mistero di Eruditi e Abneganti, racchiuso un video. Il video racconta che la città non è altro che un esperimento per eliminare la violenza celata all'esterno della recinzione. Gli Abneganti, gli unici in possesso di questa informazione, avrebbero dovuto svelarla alla città intera una volta raggiunto un consistente numero di Divergenti. Alla fine del video la presentatrice, Edith Prior, spiega che le verrà resettata la memoria perché ci sono molte cose che vuole dimenticare. Jeanine Matthews ha quindi perseguitato i Divergenti e ha sterminato gli Abneganti per continuare a detenere il controllo della città.

"Siamo entrambi in guerra con noi stessi, e questo a volte ci tiene vivi... a volte, invece, rischia di annientarci."

Insurgent è un bel libro, non è sicuramente ai livelli di Divergent, ma rimane un bel libro che è anche molto piacevole nella lettura.
La storia è qualcosa che solamente la mente della Roth avrebbe potuto immaginare, ma come l'ha scritta... be' è discutibile.
Sembra più essere un libro scritto di "rimbalzo" scritto sull'onda del successo che probabilmente ha reso cieca la scrittrice... che in Divergent era una novità e che in Insurgent diventa la grande Veronica Roth... ma come vi ho già detto il romanzo mi è piaciuto.
Lo stile non è cambiato molto e i personaggi nemmeno, eccetto Tris, che in quanto protagonista, ha il dovere di scoprire la verità e di salvare se stessa e i suoi compagni.


Ecco parliamo un po' più nello specifico di Tris Prior:
Tris arriva al quartier generale dei Pacifici, assieme a Tobias e agli altri che l'hanno aiutata alla fine del primo capitolo. Qui inizia a vivere come una pacifica, mentre Chicago è devastata dalla guerra tra le fazioni, cominciata con l'attacco che gli Eruditi hanno scagliato nel primo capitolo della saga. Durante una missione, finisce per allearsi con gli Esclusi, il cui capo è una donna chiamata Evelyn, la madre di Tobias, creduta morta tempo prima. Insieme agli Esclusi, pianifica una rivolta contro gli Eruditi per sconfiggerli una volta per tutte e porre fine alla guerra. Durante la battaglia, grazie all'aiuto di Marcus (il violento padre di Tobias sopravvissuto al primo capitolo), Tris riesce a entrare nel quartier generale degli Eruditi, dove trova Jeanine (l'antagonista principale del primo romanzo). Poco prima di questo incontro, viene a sapere che suo fratello Caleb era alleato di Jeanine. Dopo la morte di Jeanine, uccisa da Tori (la donna che aveva visionato la sua simulazione nel primo libro), Tris viene condannata perché voleva proteggere Jeanine. Tris voleva proteggerla perché aveva scoperto che lei conosceva un segreto riguardante Chicago e voleva capire di che cosa si trattasse


Malgrado non riesca a ottenere l'aiuto di nessuno, Tris riesce nel suo intento svelando che Chicago, così come le fazioni, è il risultato di un esperimento di una civiltà che vive fuori dalla città. Alla fine Tris viene imprigionata da Evelyn, che ormai comanda Chicago. Una bella evoluzione, non c'è che dire, ma mi è parso troppo scontato che alla fine Tris avrebbe protetto Jeanine, d'accordo lei conosceva particolari molto interessanti, ma caspita ti ha utilizzato, drogata e sfruttata fino allo stremo... non sei un po' curiosa di vedere il suo corpo privo di vita. Può sembrare crudo, lo so, ma è un comportamento umano la vendetta... ciò mi fa pensare che Tris sia la classica eroina in Insurgent e non più la grande Divergente che era in Divergent.
Mi aspettavo di più in generale insomma, vedremo come andrà con il film.

Voto:
Giudizio:
Mi aspettavo qualcosa di più

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...