09 gennaio 2014

Prima riunione del Gruppo di Lettura e contenuti extra su Lacrime di Cera

Salve Ladies e GoodReaders
Angeline, 17 anni e capelli di uno strano colore tendente all’arancio, è sopravvissuta al terribile incendio in cui i genitori hanno perso la vita, e che l’ha privata della memoria del suo passato. Dopo essere stata per mesi in ospedale, al suo risveglio troverà Adam ad attenderla, il fratello maggiore. Insieme si trasferiranno nelle Highlands, per cercare di ricominciare una nuova vita riprendendo gli studi e creando delle nuove amicizie. Ben presto, però, il suo passato tornerà a tormentarla, insinuando nella sua mente dubbi, paure e sensi di colpa. A minacciare ulteriormente la tranquillità di Angeline sarà l’arrivo di Mael, l’affascinante leader di un gruppo di circensi, che attraverso delle visioni indotte le svelerà dei segreti inimmaginabili sul suo passato, costringendo Angeline a riconsiderare la propria esistenza.
Un Giardino paradisiaco abitato da esseri immortali, un albero magnifico tenuto in vita da una linfa misteriosa, e un frutto... che scatenerà il caos!
Evangeline è la classica ragazza che non si accetta per quello che è. In particolare odia il colore rosso bruciato dei suoi capelli che le ricordano l'incendio in cui ha perso i genitori. Ma sarà davvero questa la causa dei suoi vuoti di memoria, o c'è qualcosa di più profondo dietro tutto questo?
Improvvisamente uno strano formicolio prese vita nelle punte delle mie dita. Non era fastidioso, ma aumentava d'intensità ad ogni centimetro di pelle che conquistava [...] davanti ai loro occhi, in un attimo, presi fuoco.





 INTERVISTA EXTRA- Lacrime di Cera.




.

A: Ciao Liliana, ben trovata nel mio modesto salotto virtuale.
L: Ciao Antonio, e grazie per avermi accolta nuovamente.

A: Partiamo subito, le domande sono tante e anche le tue Diaboliche Ladies hanno in servo per te delle domande niente male e che sono sicuro ti lasceranno sconvolta.
L: Le domande delle mie Diaboliche Ladies mi sconvolgono sempre... sarà meglio che mi siedo!

A: Però ti lascio qualche minuto di calma per rispondere a queste mie domande
ANTI-spoiler, lo giuro. Bene, bene… Parliamo dunque del tuo nuovo romanzo in uscita hai detto verso fine febbraio. Lacrime di Cera è un Paranormal Romance Distopico ambientato in un futuro post-apocalittico, riusciresti a spiegarci la causa della “fine” del Vecchio Mondo? Chiamiamolo così… oppure se c’è un nome specifico se possibile rivelacelo.
L: La fine del vecchio mondo, che poi sarebbe il nostro, diciamo che non si discosta molto dalla situazione che viviamo ai giorni nostri. Anzi, mi auguro che le cose non vadano realmente così!
Ciò che in "Lacrime di Cera" cambierà profondamente la vita sulla Terra, non è altro che una profondissima crisi economica, in cui le persone meno abbienti, messe sempre più alle strette dai potenti e giunte ormai ad un punto di non ritorno, si ribelleranno scatenando una rivolta. Una rivolta che però non li vedrà vincitori. 


A: Invece parlaci un po’ del mondo in cui i personaggi si muovono.
L: Inizialmente il mondo che il lettore conoscerà (un secolo dopo la rivolta), sarà limitato al palazzo dell'Impero Sovrano, in cui i potenti del mondo sopravvissuti alla rivolta hanno riportato in vita i costumi del lontano Ottocento per poter vivere nello sfarzo e lontano dalla povertà. Poi, in un secondo momento si scoprirà che il mondo al di fuori delle mura non è perduto come si pensa.

A: Camille è sicuramente una ragazza all’apparenza sensibile, ma io credo che alla fine ci stupirà con un mega effetto scena. Raccontaci un po’ come te la sei sempre immaginata, prima di scrivere la sua storia , questa protagonista?
L: Camille è una ragazza sensibile, ma dotata di una forza incredibile. Altrimenti non sarebbe in grado di affrontare tutto ciò che questa storia ha in serbo per lei. La sua non sarà una crescita interiore, ma una liberazione. Perché riuscirà a spezzare le catene immaginarie che all'interno del palazzo le impedivano di vivere. E nella mia mente lei è sempre stata così... una tigre in gabbia.

A: Cosa che non può mancare in un tuo romanzo è l’amore, come si manifesta all’interno del libro?
L: Hai detto bene, nei miei romanzi l'amore non può assolutamente mancare. Ma deve essere un amore tormentato, messo a dura prova e circondato da azione, suspance e colpi di scena.
Ma per farvi capire come si manifesta l'amore all'interno di "Lacrime di Cera" lascerò la parola a Lui...
"Immaginate di aver passato la vostra intera esistenza a nascondervi nel buio, lontano da tutto e da tutti,
dove il silenzio è stato il vostro unico compagno. E che un giorno, inaspettatamente, la vostra vita venga colpita da una minuscola goccia di sole. Lei è calda, è luminosa, e sebbene inizialmente la sua diversità vi porterà a cercare di allontanarla da voi, presto vi renderete conto che è la cosa più bella che abbiate mai visto, e che non potete più fare a meno di lei."

A: Io i miei dubbi me li sono chiariti, ora il momento più complicato e già t’immagino piazzata d’avanti il pc a tremare come una foglia per la paura delle LORO domande. Ed allora cominciamo subito con una domanda di Lady Gaia: La medusa, che ti sei fatta anche tatuare, che cosa rappresenta in Lacrime di Cera?
L: La medusa ha un ruolo molto importante nella storia, anche se verrà rivelato solamente verso la fine del romanzo. Diciamo che senza di lei, la storia non si sarebbe potuta scrivere.


A: Ora tocca alla domanda che sfiora di poco lo spoiler ma a noi piace comunque! Domanda da parte di Lady Teresa: In quel famoso capitolo 14 cosa succederà di tanto mostruoso? Capisco che sarà difficile Liliana ma proviamoci!
L: Okay! Ce la posso fare! Il capitolo 14 è tremendo! Immaginatevi di essere di fronte alla cosa che desiderate di più al mondo, e di non riuscire ad afferrarla per un soffio. Ecco, questo è il capitolo 14!

A: La prossima domanda è da parte di Lady Laura: Da dove nasce l’idea di Lacrime di Lacrime di Cera? Qualcosa ti ha ispirata oppure i personaggi si sono manifestati raccontandoti la loro storia?               
L: Le storie nella mia mente nascono da sole, non devo mai forzare la mano. E' come se i personaggi venissero da me e mi raccontassero la loro avventura.

A: Ultime due domande e questa volta sono dirette a Chris. Sei pronto?
C: Nessuno riesci a cogliermi di sorpresa ragazzino!

A: La prima delle due domande è stata proposta da Lady Nicole: Chris, farai soffrire Camille?
C: Vorrei poter rispondere negativamente, ma... purtroppo farò soffrire Camille. Involontariamente, ma accadrà.

A: Ultima domandina facile, facile fatta da Lady Laura: Chris, tu vivevi nel palazzo?
C: In quel teatrino di buffoni? Diciamo che sono stato loro ospite per un certo periodo. Ma ve lo sconsiglio vivamente... il servizio in camera lascia a desiderare! 

Carissimo Antonio, come sempre è stato un piacere essere tua ospite! E colgo l'occasione per augurarvi un buon viaggio... in occasione della lettura di gruppo! 


***
Noi auguriamo a Liliana una buona scrittura,
Ladies allora come vi è sembrato.
P.s So che non ho scritto tanto ma è ancora presto
 per scrivere una vera è propria recensione, 
sappiate comunque che questi tre primi capitoli mi sono piaciuti 
un casino pensate che ho dovuto chiudere a forza il libro...
Che cosa ci è piaciuto? Cosa non vi è piaciuto?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...