18 marzo 2014

UN TROISIANO ED IL SUO SOGNO PARTE DUE- festeggiamo con una bella intervista all'autrice Licia Troisi




 CLICCA PER INGRANDIRE

UN TROISIANO ED IL SUO SOGNO

PARTE DUE



FESTEGGIAMO INSIEME I DIECI ANNI DELLA PUBBLICAZIONE

DELLA SAGA FANTASY TUTTA ITALIANA

CRONACHE DEL MONDO EMERSO”

CON L’AUTRICE LICIA TROISI





Salve Goodreaders, ecco a voi la seconda intervista aall'autrice Licia Troisi (la prima la trovate QUI )
Gustatevi queste bellissime risposte e commentate mi raccomando!

  1. Ciao Licia! Bentornata nel mio blog letterario. Sono felice che tu abbia ancora trovato il tempo per rispondere alle mie domande! Iniziamo subito: Amo la trilogia delle cronache del mondo emerso, ma come nascono i vari luoghi e personaggi? Per esperienza posso dire che è davvero difficile decidere i vari nomi…

È passato un bel po’ di tempo, non so se riesco a ricostruire tutto…di sicuro è nata prima Nihal; il personaggio inizialmente era molto diverso da com’è oggi, scriveva in prima persona, da vecchia, raccontando di come avesse sempre inseguito la gloria nella sua vita. Il prototipo era un po’ la Bradamante de Il Cavaliere Invisibile, poi ho cambiato direzione. Tutto il resto è nato per lei, per trovarle una storia e un luogo in cui muoversi. Ho messo insieme molte delle suggestioni che avevo raccolto fin là, i nomi un po’ li ho inventati scegliendo quelli che mi suonavano di più, un po’ li ho presi dal latino e il greco e le corrispondenti mitologie, un po’ venivano dai fumetti.



  1. Ascoltando le varie interviste che hai rilasciato mi sono imbattuto in una nella quale affermi che il personaggio di Sennar era nato semplicemente per far parte solo dell’infanzia di Nihal… allora cosa ti ha dimostrato questo personaggio per convincerti a scrivere ancora di lui fino alla fine della seconda trilogia?

Credo abbia a che fare col fatto che mi è sempre piaciuto raccontare le dinamiche di coppia: i personaggi funzionano di più quando li si giustappone, quando si muovono in due. Almeno, per i miei personaggi funziona così. Il prototipo di mago un po’ sbruffoncello (almeno in quell’episodio iniziale), contemporaneamente più saldo emotivamente rispetto alla protagonista, mi sembrava un contraltare perfetto per Nihal, e quindi alla fine il suo ruolo si è ampliato.



  1. La nuova ristampa delle cronache non mi convince molto, soprattutto l’illustrazione di Sennar e Ido, sai dirci per caso se anche la trilogia completa avrà una nuova copertina? No perché io ho già in mente un’immagine di Paolo stupenda! IHIHIHI *questa qui è stupenda*

È un po’ presto per parlare di copertine della raccolta…Al momento il progetto è quello di ristampare tutti i nove volumi in economica con le copertine di Corrado Vanelli. La scelta di cambiare illustratore per questo progetto è stata dettata dal desiderio di dare un valore aggiunto a quella che, altrimenti, è solo una ristampa come le altre. Paolo Barbieri si è già espresso in tantissimi modi sul Mondo Emerso, non solo con le copertine, ma anche coi libri illustrati; l’idea era di proporre qualcosa di completamente nuovo per spiazzare un po’, per espandere per certi versi quel mondo e dargli una nuova incarnazione.


  1. Usciamo dall’argomento cronache ed occupiamoci delle Guerre. La seconda trilogia del mondo emerso mi è piaciuta moltissimo ma niente supera Nihal e la sua storia. L’ho apprezzata soprattutto per l’intervento di Sennar. Da cosa nasce l’idea di dare un altro tiranno al mondo emerso?

Ho sempre trovato Aster una figura potente; quanto meno, io ne ho subito parecchio il fascino. Mi è sembrato quindi naturale che questa fascinazione l’avessero provata anche molte persone nel Mondo Emerso. Poi, non so, forse a un livello inconscio tutte le Guerre sono un tentativo di superare le Cronache e quel che hanno significato per me. Sono state un successo, hanno inaugurato la mia attività di scrittrice, e Nihal resta una presenza amatissima dal pubblico.



  1. Adhara è forse il personaggio femminile che non mi ha convinto particolarmente, ma la sua storia è originale e misteriosa. Il fatto è che non ho sentito mia la sua storia come era successo con Nihal e Dubhe. Però il punto a favore della terza trilogia è sicuramente il personaggio di San, già presente nelle guerre, ma che si è affermato in tutta la sua oscura presenza nelle Leggende! Ti immaginavi una fine diversa della saga? E ti manca scrivere del mondo emerso?

No, sono soddisfatta di come è finita. In fin dei conti, la trovo una buona chiusura per quella storia iniziata nove anni prima. L’unico rimpianto è un po’ sulla morte di Nihal; tutto sommato è stata una faccenda liquidata un po’ troppo in fretta, ma all’epoca era diventata una presenza ingombrante per me e volevo liberarmene. Col senno di poi, farei diversamente. Circa scrivere del Mondo Emerso, è di sicuro un posto ancora vivo in me, che ancora mi parla e ha delle cose da dire al lettore.



  1. Nihal, Dubhe o Adhara? Chi ti rappresenta di più?

Dal punto di vista della somiglianza, indubbiamente Nihal, che ha in sé molti miei difetti e atteggiamenti fastidiosi. La più amata però è Dubhe; non so esattamente perché, ma è quella che mi piace di più, probabilmente perché trovo le sue fragilità più giustificate da tutto quello che ha passato; e poi, ultimo libro a parte, che è sempre il più amato, La Setta degli Assassini è il mio libro preferito.



  1. PARLIAMO DEL TUO NUOVO ROMANZO “PANDORA” Seguo molto i tuoi romanzi e non potrò fare diversamente con questo romanzo… ce ne vuoi parlare, ovviamente quel che puoi?

Dunque, uscirà a maggio, la saga, sulla carta, conta sei libri, ma ogni volume è autoconclusivo, a parte, ovviamente, quel minimo di trama orizzontale che unisce il tutto. Il titolo è anche il nome della protagonista, che però tutti chiamano Pam. Insieme a lei, c’è un coprotagonista, Sam. I due si incontrano – ma sarebbe più corretto dire scontrano… - la notte di Halloween, e scoprono di essere finiti in un gioco più grande di loro. Pam ha liberato per sbaglio gli spiriti di sei entità demoniache chiamate Angeli della Morte, e al contempo ha causato ad entrambi l’acquisizione, diciamo così, di poteri particolari. Per tornare normali, e scongiurare danni peggiori, Pam e Sam devono unire le forze e cercare di catturare tutti e sei gli Angeli della Morte. È una storia intrisa di un certo humor nero.



  1. Allora io concludo. Visitate il sito di Licia (liciatroisi.it) potrete trovare ogni informazione riguardo ai suoi romanzi  Grazie Licia! A presto.

Grazie a te e un saluto a tutti!





Amo questa scrittrice!
Voi avete letto qualcosa di Licia Troisi?

1 commento:

Anonimo ha detto...

Ahah ho letto questa intervista giusto un po' dopo la sua pubblicazione... e ormai Nashira è stata completata ed è uscito il 4o volume delle Cronache del M. E. Il mio libro preferito in assoluto. Ieri è uscito il secondo libro di Pandora. Comunque, non ho una cosa in particolare da commentare, e sto scrivendo qui solo per essere partecipe all'intervista della donna che ha ispirato metà della mia vita. Sì, 'ispirato' è la parola giusta. I suoi sono stati e sono tutt'ora gli unici libri a riflettere la mia quotidianità in modo sorprendente, nonostante raccontassero storie tutt'altro che vivibili ogni giorno. Sono qui a commentare per esprimere la mia infinita gratitudine verso di lei, è la scrittrice che porterò nel mio bagaglio culturale per tutta la vita, di cui rileggerò le opere anche una volta pensionata.
I suoi libri sono stati gli unici che, una volta finiti, mi lasciavano un moto di agitazione e tristezza nel petto, all'idea di non averne altri da leggere.
Non ho detto tutto, ma non so come esprimere il resto.
Un grazie immensamente grande e sentito a Paolo Barbieri. Hai dato un volto ai miei idoli e ideali.
;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...