12 dicembre 2013

Recensione "Rossa come la Passione" di Ella Gai

Ella Gai ci propone una lettura innovativa che vede l'imperfezione come protagonista!

Titolo: Rossa come la Passione (I colori dell'anima)
Autrice: Ella Gai
Trama:
Gaia Hearts è una bella ragazza di venticinque anni, dal carattere solare e allegro. Si è appena laureata in marketing e progettazione e non avrebbe mai immaginato, che il primo giorno di lavoro, in una delle aziende cosmetiche più importanti d'Europa avrebbe ricevuto una “proposta particolare “ dal suo capo, Stephan Barney, l'uomo che può tutto, l' uomo, dai mille misteri.
Riuscirà Gaia, a rinunciare a tanti anni di studi e alla sua integrità morale per accettare la proposta ? Oppure, gli risponderà con un due di picche ?
Sarà davvero, una proposta casta quella di Stephan? Oppure, brama qualcosa di molto più forte?
Perché lei, dopotutto è il colore dei suoi desideri. 

Voto:
 


La mia recensione

Una cosa che mi ha attratto subito di questo romanzo è la protagonista.
Gaia ha i suoi bei chili in più , non è la classica ragazza magrissima, una scelta alla quale bisogna far merito all'autrice.
«Ebbene, per me il posto è tuo, ma ! “Ecco, lo sapevo c'è un ma.” «Avrai un contratto a progetto di circa tre mesi e una busta paga di poco più di ottocento dollari al mese, non è molto lo so, ma ci siamo passati tutti.» Mi schiarisco la voce «Per me e già tanto, cioè laurearmi e trovare lavoro.»


Il romanzo se pur breve ti avvolge lentamente nella sua storia, che termina bruscamente e lasciandoci con un peso.
Ella Gai ha saputo mischiare il romanticismo con un po' di ironia ed originalità.

Cinque minuti dopo sono già in strada con un pantalone macchiato, le scarpe di colore arancione, un cappotto rosso natale. I capelli sono un disastro li ho raccolti questa mattina prima di andare a letto in una lunga coda di cavallo e sono anche senza un filo di trucco. Praticamente sono un mostro. E per di più ho una fame da lupo, ma non ho il tempo di fermarmi a mangiare nulla. Sto ancora pensando a come Mary, la mia coinquilina abbia potuto macchiare il mio pantalone, quando senza neanche accorgermene,
sono arrivata all'ingresso principale della Barny's Cosmetics.
E' la seconda volta, che varco l'ingresso principale di questo grande edificio ed è sempre
un'emozione fortissima. Samanta, la centralinista all'ingresso del quindicesimo piano, mi ha appena riconosciuta “Meno male.” Almeno, eviterò di tirar fuori documenti e spiegare che da oggi lavoro qui.

Il romanzo è breve ma potete tirare un sospiro si sollievo: Il continuo è una meraviglia.

Verdetto: Breve ma efficace.



1 commento:

Ella Gai ha detto...

Grazie per la splendida recensione :D

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...